Intermezzo sondaggistico

Mentre completo il post a continuazione del precedente come promesso, visto che ci sono mi metto a testare i sondaggi di Blogger. Perché un sondaggino, ora come ora, lo vorrei proprio fare, tanto per capire che aria tira.

E insomma, siamo arrivati a – credo – una decina di politici fino ad oggi. E mi chiedevo. Cioè... quanti altri ne dovranno beccare a tirare bamba e a pagare prostitute perché la smettiate non solo di votarli, ma anche di prenderli sul serio e di fare discorsi tipo “ah ma la politica economica di Tizio nel breve periodo porterà l'Italia allo sbando.” “No guarda, il programma di Caio evita di parlare dei riflessi strutturali che l'introduzione dell'aliquota differenziale causerebbe”, quando Tizio e Caio passano il loro tempo libero fatti come susine?

4 commenti:

essere disgustoso* ha detto...

ho votato per l'ultima: ho una visione piuttosto libertina dei vizi dell'uomo, dalla droga alla religione, e trovavo la risposta cinicamente attraente.

droga e prostituzione, così come il culto di entità superiori, esistono dalla notte dei tempi e niente riuscirà mai a reprimere tali istinti: figuriamoci in una delle classi al vertice della catena sociale*.

riguardo al non votare non sono d'accordo: sebbene per undici mesi l'anno dica ed inciti la scheda bianca quando si arriva alle elezioni l'irrazionale prende il sopravvento: cosciente che il mio non voto, oltre a non cambiare un cazzo, mi farà anche pentire di non aver almeno provato a fermare lo stronzo di turno seguendo la logica del voto al meno peggio.

anche qui urgerebbe infinito dibattito...

*=certo mi fanno incazzare quelli che prima pontificano sulla santità del matrimonio e poi vanno a mignotte e cocaina: per intenderci, se scoprissero pannella in certi atteggiamente risponderebbe, e a ragione: "e allora? non ditemi che siete sorpresi."

Tommy Angelo ha detto...

Aspetta però, non vorrei passare per moralista.

Io sono favorevole alla legalizzazione di tutte le droghe, così come della prostituzione. Non mi interessa che uno prenda droga, né che paghi per fare sesso.

Però non significa che a mi vada bene che un branco di cocainomani governi il paese. Sono due cose diverse.

Il problema di avere certa gente al governo è che loro diventano i peggiori moralisti con gli altri, subito pronti ad impedire a tutti quello di cui loro non riesco a fare a meno.

Rodger ha detto...

Il problema di avere certa gente al governo è che loro diventano i peggiori moralisti con gli altri, subito pronti ad impedire a tutti quello di cui loro non riesco a fare a meno.
--------

Non è la cocaina che ti rende moralista, ma la religione.

Anonimo ha detto...

o forse solo l'ipocrisia....